buongiorno

Annunci

la mia vita con briciola e tom (continua…)

ma quanto è lungo questo rosso? mi chiedo fermo al semaforo, lungo la via verso casa. sembrano minuti da che sono fermo qui, mi dico.

avrei dovuto immaginarlo: con la coda dell’occhio vedo che sul sedile del passeggero si sta formando una sfera di puntini luminosi che in un attimo esplode in una bagliore quantico.

Puff!

tom è tornato e questa volta non è venuto a trovarmi in arcadia, ma in macchina

tom! ciao amico mio. ma sei tu ad aver fermato il semaforo?

ciao amico mio. ho fermato il tempo attorno a te, semaforo compreso.

ma come… lascia stare.

si, tanto non capiresti. allora come stai?

perchè me lo chiedi? sai sempre tutto come tutti quelli che vedono il tempo come un cerchio.

si, ma lo sai che mi piace sentirtelo dire.

con addosso la surreale sensazione di essere fermo ad un incrocio e non sentire alle spalle clacson che sbraitano appena passato un millisecondo dall’accensione del verde, inizio a parlare

sto bene. sai, sono riuscito a trovare una quadra nel mio casino interiore e dopo tanto tempo sto raccogliendo i frutti.

mi fa piacere, mi risponde il riccio magico. i suoi aculei sono sempre belli da vedere, sfavillanti e cangianti.

grazie. mi sento come se fossi entrato in una fase nuova delle mia vita, nata dalle ceneri e dalle esperienze precedenti.

come capita a voi esseri lineari (per tom l’essere lineare e quello che viaggia nel tempo in una sola direzione: avanti)

eh già, mica siamo magici e quantici come lo sei tu r tutti quelli della tua razza.

tom mi guarda con i suoi occhi rubino e sfrega il muso sulla stoffa del sedile.

ora che fai? mi chiede

vado a casa e preparo da mangiare. stamattina ho corso e oggi sono stato a teatro.

divertito?

si e soprattutto rinfrancato

cioè?

stamattina ho fatto un bel giro e a teatro ho riflettuto sulla mia condizione attuale e ho capito che non sei quello che sei finchè non ti accetterai.

tom sta in silenzio e poi mi dice: ok. ti devo lasciare ora. il dovere mi chiama (tom è ancora un agente segreto che lavora su cose che manco posso immaginare attraverso universi paralleli che… troppo complicato.

va bene. sblocca il tempo che ho fame.

il solito cordialone eh?

sempre!

senti una cosa

dimmi

briciola mi ha detto che nel sonno ti giri troppe volte nel letto e che la disturbi mentre dorme.

….

ma andate a cagare tutti e due!

ciao amico mio

ciao tom

Puff!

tom sparisce in un lampo quantico, il semaforo scatta sul verde..

PEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

eccheccazzo…….